76° Anniversario della Battaglia di Filottrano - Cerimonia commemorativa.

L’emergenza Covid 19 non ferma Filottrano nel ricordare i suoi Caduti. Seppur in forma necessariamente ridotta Sabato 11 luglio si è svolta la cerimonia commemorativa nel 76° Anniversario della Battaglia di Filottrano.

La Battaglia di Filottrano ha costituito il momento più importante e significativo dell’intero ciclo di combattimenti del CIL nel corso della Campagna sul Fronte Adriatico ed uno dei momenti fondamentali della recente storia d’Italia.

Nove giorni di accaniti combattimenti che, nel luglio 1944, portarono alla liberazione della Città e aprirono la porta alla successiva conquista di Ancona che con il porto e l’importante snodo ferroviario era un obiettivo strategico e logistico essenziale per le forze alleate che stavano risalendo l’Italia, e attraverso il sacrificio dei nostri RAGAZZI della Divisione Nembo Caduti combattendo a fianco dei soldati polacchi della Divisione Kresowa, furono dimostrazione tangibile del le capacità del soldato italiano ed elemento determinante nella decisione presa dagli alleati di costituire, nell’ottobre dello stesso anno, i Gruppi di Combattimento embrione e primo atto di ricostruzione del nuovo Esercito Italiano.

Forte quindi la determinazione dell’Amministrazione Comunale e della sezione ANPd’I di Ancona nel voler organizzare , nonostante la situazione emergenziale, la cerimonia commemorativa cui sono intervenuti il Generale Beniamino Vergori Comandante la Brigata paracadutisti Folgore e il vicecomandante Colonnello Cristiano Dechigi, il Comandante del 183° Nembo Col. Massimiliano Mongillo , il Colonnllo Claudio Brunetto Comandante Militare delle Marche Esercito, il Comandante provinciale CC Colonnello Cristian Carrozza, il Col. Pilota Luca Massimi Comandante la Scuola English Aviation AMI Loreto,il dott.Andrea Storoni consigliere della Provincia di Ancona accompagnato dal Gonfalone a dimostrazione della condivisione e del ricordo di comuni valori, il Presidente della Sezione ANPd’I di Ancona Lamberto Agostinelli.

I labari della sezione Anpd’I di Ancona, il regionale Marche dell’Associazione Nembo, la bandiera della sezione ANC di Filottrano erano presenti rappresentando idealmente le più numerose e rispettive delegazioni presenti negli scorsi anni.

Dopo l’alzabandiera e l’esecuzione dell’Inno Nazionale, il Sindaco Lauretta Giuilioni accompagnata dalle autorità presenti e dal Gonfalone della Città si è recata sui siti dei monumenti ai Caduti per deporre corone di alloro cui sono seguite le note del Silenzio eseguite dalla prima tromba della Banda Cittadina.

Le allocuzioni celebrative sono state aperte dal Sindaco Giulioni che ha in particolare sottolineato l’importanza di conservare e tramandare la memoria del sacrificio di quei giovani combattenti e dei valori per i quali donarono la vita.

Belle e sentite le parole del Generale Vergori e del Colonnello Mongillo che , nel ringraziare Filottrano, i Filottranesi e i paracadutisti dell’ANPd’I per l’opera svolta affinché quanto fatto dai RAGAZZI della Nembo sia ricordato nel tempo, hanno sottolineato come i sentimenti di fraterna amicizia e i legami creatisi nel tempo tra i paracadutisti e la Città di Filottrano siano patrimonio comune e indissolubile.

Le limitazioni imposte dai provvedimenti in materia Covid 19 non hanno consentito di invitare altre importanti personalità tra cui il Presidente Nazionale ANPd’I Generale Marco Bertolini che comunque nell’occasione ha inviato un bellissimo comunicato, di cui è stata data lettura nel corso della cerimonia, attraverso il quale traccia in modo chiaro ed inequivocabile il valore delle gesta dei paracadutisti in particolare a Filottrano, il contesto storico in cui questo avvenne l’importanza e il peso di tutto ciò sulla successive pagine della storia d’Italia, l’impegno dell’ANPd’I a seguire il loro esempio di dedizione alla Patria e a conservarne e divulgarne la memoria chiudendo con un sentito ringraziamento alle popolazioni locali e ai paracadutisti marchigiani che “ celebrano con ammirevole costanza il ricordo da sempre”.

Successivamente alla Messa al campo officiata dal parroco di Filottrano don Carlo Carbonetti la Banda Cittadina , che quest’anno ha prestato servizio in forma statica, ha chiuso la giornata con una impeccabile esecuzione di alcuni brani musicali tra cui molto apprezzati “Come Folgore dal Cielo” e “all’armi Arditi dell’aria”.

Il giorno successivo a Sforzacosta località passo del Bidollo , ANPd’I Ancona e Città di Tolentino hanno ricordato i paracadutisti della NEMBO Caduti nel forzamento del fiume Chienti che ha costituito un dei momenti chiave nei combattimenti per la librazione di Macerata negli ultimi giorni del giugno 1944.

Erano presenti alla Cerimonia Il Sindaco di Tolentino Giuseppe Pezzanesi accompagnato dal Gonfalone della Città , il Colonnello Claudio Brunetto Comandante Militare delle Marche Esercito, i presidenti ANpd’I di Ancona Lamberto Agostinelli, di Matelica Franco Crescentini e di San Ginesio Giovannino Berdini oltre ad altre autorità locali e rappresentanze di associazioni Combattentistiche e d’Arma L’alzabandiera e l’appello nominale dei Caduti ha preceduto la benedizione impartita da don Silvano parroco di Sforzacosta.

Con le allocuzioni del Sindaco Pezzanesi e del Colonnello Brunetto si è chiuso un fine settimana vissuto, pur e nonostante e limitazioni imposte dalla normativa Covid 19, nel segno del ricordo e della pieno spirito paracadutistico.

Featured Posts
Recent Posts
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...